mercoledi 02 aprile 2014 ore 20.45 Sede SAT - DOLOMITI IL PERCHè' DI UN BENE UNESCO -

 

DOLOMITI: IL PERCHE' DI UN BENE UNESCO
 
Nell'estate 2009 le Dolomiti sono state iscritte nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO.

L'iscrizione è il risultato di una severa selezione a livello mondiale in cui l'affermazione dell'unicità e dell'eccezionale valore universale degli aspetti geologico-geomorfologici ed estetico-paesaggistici delle Dolomiti corrisponde al riconoscimento che tali valori sono adeguatamente rappresentati e protetti.
La responsabilità e l'impegno da parte di chi vive su queste montagne a garantire questi valori universali nel tempo, che con il riconoscimento non sono più solo rivolti ai propri territori ma al mondo intero, avranno come conseguenza una diversa consapevolezza della propria posizione nel contesto globale e forniranno lo stimolo a ragionare sui temi della montagna (specificità culturale, paesaggio e patrimonio geologico, sviluppo sostenibile e turismo) secondo un'ottica di apertura e di confronto.

 

Essere un bene iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale significa possedere un eccezionale valore universale; essere cioè straordinariamente rappresentativo delle ricchezze culturali e naturali del nostro pianeta, tanto da costituire un riferimento essenziale non solo per il territorio dove si trova, ma per l'intera umanità. I beni iscritti alla Lista del Patrimonio Mondiale sono selezionati come le migliori testimonianze al mondo dell'eredità culturale e naturale da trasmettere alle generazioni future. Questo è lo scopo della Convenzione per la protezione del patrimonio mondiale culturale e naturale, che ad oggi riunisce in questo impegno comune 186 Paesi. Il prestigio che deriva agli stati con beni iscritti alla Lista funge da catalizzatore per rafforzare il senso di responsabilità nei confronti dei beni che hanno in consegna. I beni iscritti alla Lista devono infatti essere dotati di una strategia di gestione che precisi misure di conservazione e meccanismi di controllo, la cui efficacia viene monitorata tramite rapporti di verifica triennali.


Allegati