PATAGONIA 2020 – 27 gennaio / 16 febbraio 2020

La sezione SAT di Rovereto organizza dal 27 gennaio al 16 febbraio 2020 un viaggio in Argentina – Patagonia “Terra del Fuoco”

Patagonia 2020, programma che non si limita solo alla visita delle note e spettacoli montagne amatissime dagli alpinisti trentini, ma anche di altri luoghi di straordinario interesse.

Allegato – PDF

Col Bechei Dessora m 2794 – 25 agosto 2019

A causa dell’inagibilità del Rifugio Corsi, l’escursione del 25/26 agosto Jof Fuart – Cave del Predil viene annullata e sostituita con l’escursione a Col Bechei Dessora m 2794 nel Parco naturale Fanes – Sennes – Braies con proposta di 2 itinerari

Allegato – PDF

Pizzo Bernina m 4049 e Pizzo Palù m 3905 – 3/4/5 agosto 2019

Sabato 3 domenica 4 lunedì 5 agosto 2019 tre giorni nel massiccio del Bernina con la salita alla vetta del Piz Bernina e la traversata dei tre Piz Palù, dove avremo modo di godere appieno del grande ambiente d’alta montagna della zona. L’itinerario si sviluppa fra tormentati ghiacciai, aeree creste nevose, tratti di pura arrampicata. Una traversata completa e varia sia dal punto di vista ambientale che da quello tecnico.

Trattasi di un percorso su ghiacciaio con passaggi su roccia che richiedono esperienza e capacità tecnica di muoversi su terreni misti .

Numero massimo di partecipanti 18

Allegato – PDF

Monte Disgrazia m 3678 – giro dei Corni Bruciati – 20/21 luglio 2019

Monte Disgrazia m 3000 o alternativa il giro dei Corni Bruciati.

Entrambi i percorsi sono considerati alpinistici, quindi si chiede ai partecipanti una buona preparazione e allenamento.

Il monte Disgrazia è una montagna delle alpi Retiche occidentali alta m 3678. Situata nelle provincia di Sondrio, è una delle vette principali della Valtellina centrale. Costituisce lo spartiacque tra la Valmalenco e la Val Masino, ed è adiacente ad altri importanti massicci, primo tra tutti quello del Bernina. Il Disgrazia appare decisamente imponente grazie alla sua notevole altitudine e alla copertura glaciale rispetto alle cime circostanti.

Il giro dei Corni Bruciati è un escursione grandiosa. Certamente non si raggiunge alcuna vetta, ma, attraversando i passi, si costeggia continuamente il gruppo montuoso dei Corni Bruciati, satellite del Monte Disgrazia. L’ambiente è indiscutibilmente spettacolare per i panorami, ma anche per gli incredibili colori delle rocce. Non passa inosservata la bucolica piana dell’Alpe Airale, dove si colloca il Rifugio Bosio circondato dalle anse del torrente, larici e isolati massi rocciosi.

Iscrizioni solo in sede

Numero massimo partecipanti 18

Allegato – PDF

Una Sarca di ghiaccio – 13/14 luglio 2019

Sabato 13 e domenica 14 luglio 2019 escursione (in)formativa “UNA SARCA DI GHIACCIO”

La sezione SAT di Rovereto propone a tutti coloro che voglio approfondire la conoscenza dell’ambiente montato questa escursione culturale, organizzata e ideata dalla Commissione Tutela Ambiente Montano (TAM) della Società degli Alpinisti Tridentini in collaborazione con Comitato Glaciologico SAT, ed il PNAB (Parco Naturale Adamello Brenta).

UNA SARCA DI GHIAGGIO /  Sarca: ghiaccio – acqua – energia: rientra nel progetto BiodiversiTAM 2019 organizzato e coordinato dalla Commissione Tutela Ambiente Montano della Società degli Alpinisti Tridentini.

La biodiversità è il mondo in cui viviamo, l’insieme di organismi e relazioni che permettono la nostra, come ogni altra, esistenza. Mai come oggi la comprensione di temi chiave come conservazione, biodiversità e cambiamenti climatici si è resa necessaria e doverosa da parte di tutta la comunità. In tema ambientale ognuno deve partecipare attivamente alla discussione e giocare il proprio ruolo nelle decisioni politiche e comunitarie.

Il progetto mira a coniugare lo storico impegno di SAT nell’esplorazione e conoscenza dell’ambiente montano con la necessità di promuovere la familiarizzazione di tutta la cittadinanza con tematiche ambientali urgenti. Le uscite proposte permettono quindi ai partecipanti, accompagnati da guide esperte e tecnici del settore, di esplorare il territorio attraverso le sue aree protette, scoprendo di volta in volta diversi aspetti della biodiversità ed il suo legame con i cambiamenti climatici.

Allegato – PDF